Dopo l’integrazione di diverse funzionalità, come l’introduzione dei testi per le canzoni e la collaborazione con OPPO, arriva anche un’attesissima novità. Infatti, durante il mese di marzo 2022, Spotify ha annunciato una collaborazione con Google per semplificare l’esperienza utente. Si tratta di un nuovo tipo di fatturazione a scelta del singolo utente: User Choice Billing. Vediamo quindi tutti i dettagli sulla collaborazione tra Spotify e Google per la fatturazione a scelta dell’utente.

Spotify e Google: la fatturazione a scelta dell’utente

Come suddetto, Spotify e Google hanno intrapreso una collaborazione per mettere al centro i clienti. La fatturazione a discrezione degli utenti, User Choice Billing, permette a tutti di avere libertà di scelta. In questo modo, la piattaforma di streaming musicale dà la possibilità a tutti i suoi clienti di sottoscrivere un abbonamento premium o di effettuare acquisti. Tutto ciò, utilizzando diverse opzioni di pagamento sul sistema Android.

Spotify e Google: la fatturazione a scelta dell’utente

È da diverso tempo che Spotify si batte per una maggiore libertà nel selezionare l’opzione di pagamento che l’utente più preferisce. E l’accordo con Google prova che un’ecosistema più equo e sano è possibile, in cui innovazione e concorrenza possono convivere con l’obiettivo di migliorare l’esperienza utente.

Per maggiori informazioni, visita l’Android Developers Blog.

L’articolo Spotify e Google: la fatturazione a scelta dell’utente proviene da Tra me & Tech.