Sempre più piccoli, sempre più potenti. DJI ora offre molte delle caratteristiche dei modelli più grandi in dimensioni ancora più compatte, il tutto grazie al nuovo DJI Mini 3 Pro appena annunciato.

Un drone che pesa meno di 250 grammi

Parte della gamma “Mini”, il DJI Mini 3 Pro mantiene un peso inferiore a 249 grammi per adattarsi alle diverse normative in tutto il mondo. Questo consente in Italia di essere pilotato senza superare alcun esame, di sfuggire alla geovigilanza o di poter sorvolare terzi. A questo si aggiunge ovviamente la compattezza (145 x 90 x 62 mm da piegato), che ne facilita il trasporto.

Inoltre, il design è stato completamente rivisto per offrire prestazioni migliori. I bracci e le eliche sono stati regolati per una migliore aerodinamica secondo DJI. Inoltre, il gimbal offre una mobilità superiore per gli scatti, inclusa la rotazione di 90° per gli scatti in modalità ritratto.

Nonostante le sue ridotte dimensioni, il DJI Mini 3 Pro è il primo della sua linea a guadagnarsi una menzione nel segmento “professionale” e questo intende rendergli giustizia.

L’eredità del DJI Air 2S

Il DJI Mini 3 Pro è il più completo dei piccoli droni del brand cinese. Certo, il suo sensore è leggermente più piccolo di quello dell’Air 2S (1/1,3 pollice contro 1 pollice), ma i suoi photosite sono altrettanto grandi (2,4 µm): è quindi in grado di scattare foto a 48 Megapixel e video fino a 4K a 60 IPS con un’apertura di f/1.7.

Troviamo ovviamente le tante funzioni intelligenti di DJI, come Spotlight 2.0 per mantenere un soggetto nell’inquadratura durante il volo manuale, ActiveTrack 4.0 per seguire il soggetto, o QuickShots per creare effetti originali molto semplicemente.

Un volo più sicuro

Il DJI Mini 3 Pro acquisisce anche capacità di volo, incluso il rilevamento degli ostacoli in tre direzioni (i sensori si trovano nella parte anteriore, posteriore e sotto il drone).

Sul lato della velocità massima, può arrivare fino a 16 m/s in modalità sport, 10 in modalità normale e 6 in modalità Cine. A questo livello quindi non cambia rispetto al Mini 2. Grazie alla sua aerodinamica guadagna comunque in autonomia per aumentare così fino a 34 minuti di volo al massimo, e fino a 47 minuti con la batteria di volo Intelligent More.

Nuovo telecomando

Per il volo, questo nuovo drone è dotato anche di un nuovo radiocomando, il DJI RC. Ha nativamente un touch screen da 5,5 pollici e l’app DJI Fly, che consente di fare a meno del telefono.

Prezzo e disponibilità

Il DJI Mini 3 Pro è disponibile da oggi (per il modello da 839€) sullo store DJI e rivenditori di terze parti a partire da 749 euro. Sono disponibili pack, a 839 e 1009 euro, con radiocomando (rispettivamente RC-N1 e RC). Puoi anche aggiungere un kit “Fly More” o “Fly More Plus” con batterie, una stazione di ricarica, eliche aggiuntive e un kit a 189 euro.

DJI offre anche un’assicurazione DJI Care Refresh che copre, tra le altre cose, danni da collisione o danni causati dall’acqua.

L’articolo DJI Mini 3 Pro: il drone per tutti diventa “Pro” sembra essere il primo su Cellulare Magazine.