Marcello Albergoni c’era. Era il Dipendente 1, “in un ufficio, con quattro sedie e qualche