A meno di un mese dall’annuncio dei processori AMD Ryzen 5000, Intel rilancia forte svelando le caratteristiche principali dei suoi processori desktop di 11a generazione dal nome in codice “Rocket Lake-S”.

Rispetto alla decima generazione, nessuna svolta tecnologica potrebbe vedere la luce in così poco tempo e come era prevedibile, si tratta solamente di un ritocco al processo produttivo da 14 nm che Intel continua ad utilizzare per creare i suoi chip. Il tutto è supportato da una nuova architettura: Cypress Cove.

Nell’annuncio ufficiale, l’azienda californiana è stata molto attenta a non svelare troppi dettagli ma, da quello che sappiamo, i nuovi processori arriveranno sui PC all’inizio del 2021. 

Tuttavia, apprendiamo che i processori Rocket Lake-S scommetteranno su un massimo di 8 core Cypress Cove che beneficiano dell’hyperthreading (come promemoria, i chip Ryzen 5000 di AMD arrivano fino a 12 core con SMT), per una maggiore velocità di elaborazione. Intel sta infatti promettendo un “miglioramento a due cifre nelle prestazioni IPC”, il che significa tutto e niente. 

L’azienda evoca l’aggiunta di un massimo di 20 linee PCIe 4.04 ai suoi chip Rocket Lake-S, mentre annuncia nuove funzioni di overclock. Altrettanto interessante: il passaggio allo standard USB 3.2 Gen 2 × 2, che potrebbe aprire la porta un potenziale supporto per il protocollo Thunderbolt 4.

Infine, Intel annuncia che i suoi chip Rocket Lake-S beneficeranno di una parte grafica Iris Xe, già utilizzata sui recenti chip Tiger Lake-U a basso consumo, lanciati a settembre sui PC laptop. L’aggiunta di questa nuova architettura offre inoltre al marchio la possibilità di rispolverare il suo modulo Quick Sync Video, al fine di offrire “una migliore transcodifica video e accelerazione hardware per i codec più recenti”.

L’articolo Intel Rocket Lake-S ufficiali: l’undicesima generazione di processori per PC desktop è ancora a 14nm sembra essere il primo su Cellulare Magazine.