Watch series 6

Un restyling piacevole anche se non particolarmente profondo quello presentato questa sera da Apple con il nuovo Watch Series 6.

La reale novità è la possibilità di misurare l’ossigenazione del sangue (SpO2), un valore divenuto particolarmente importante in seguito all’epidemia di Coronavirus, e in grado di restituirci in tempo reale la salute dei nostri polmoni.

Inoltre, arrivano nuove faces, alcune delle quali anche animate, e nuovi colori.

watchOS 7

watchOS 7,il sistema operativo che anima il nuovo smartwatch, introduce numerose novità. Fra queste configurazione famiglia, il monitoraggio del sonno, il rilevamento automatico del lavaggio mani, nuovi tipi di allenamento e la possibilità di selezionare e condividere i quadranti dell’orologio.

L’orologio è dotato del nuovo processore dual-core basato sul chip A13 Bionic di iPhone 11 che, secondo Apple, è il 20% più veloce del precedente modello.

Un’altra novità è rappresentata dall’altimetro always-on, che fornisce l’altitudine in tempo reale per tutta la giornata, servendosi di un altimetro barometrico, del GPS e delle reti Wi-Fi vicine.

Come detto, un nuovo colore blu si aggiunge all’argento, al grigio siderale e all’alluminio color oro come opzione per la cassa dell’orologio, insieme a un Apple Watch (PRODUCT)RED con esclusivi cinturini in pendant rosso accesso.

Watch Serie 6: prezzo e disponibilità

Ma quanto costerà Apple Watch Series 6? La versione con GPS sarà disponibile a 439 euro, mentre quella con GPS e connettività cellulare costerà 539 euro.

Apple ha previsto anche una versione economica del suo Watch Series 6, ossia la serie SE. Che altro non è che una versione riveduta e corretta della serie 5. Con funzionalità più avanzate ma senza Ecg, controllo dell’ossigeno e display always on. 

Facendo così Apple riordina la linea che ora prevede Series 3, SE e Series 6. Apple Watch SE GPS e SE GPS+Cellular hanno un prezzo a partire da 309 e 359 euro

L’articolo Apple Watch 6: saturazione dell’ossigeno, nuove faces e più colori sembra essere il primo su Cellulare Magazine.