Selfie a prova di mascherina in cinque preziose mosse
Selfie

Nella nuova normalità, tra mascherine e distanze di sicurezza, nessuno aveva ancora pensato alle sorti dei tanto amati selfie. Ecco che a metterli a dura prova non è più un’espressione non riuscita o una posa mal venuta, ma la mascherina sul volto. Dato che di selfie e mascherine non si può fare a meno, ecco che Wiko è intervenuto per ovviare al problema, mostrandosi anche in questa fase due, come già in quarantena, attento alle esigenze della sua community.

Mascherina VS selfie

Città e regioni stanno pian piano riaprendo tutte le attività, lavorative e sociali. In questa fase due, tra distanziamenti, nuove norme e regole da rispettare, c’è indubbiamente un comune denominatore da tenere in considerazione: la mascherina. E’ un prezioso e allo stesso tempo fastidioso compagno che ci seguirà nell’immediato futuro e con cui dovremo familiarizzare. Anche mentre si scatta una foto con lo smartphone o ci si fa un selfie. È evidente che, se i sorrisi, le smorfie, così come i bronci e tutte le espressioni della parte inferiore del viso sono inevitabilmente coperti, per scatti d’impatto, occorre puntare tutto sullo sguardo.

Wiko scende in campo

Wiko, brand franco-cinese portavoce del lusso democratico, da sempre attento ai trend che spopolano tra le sue community, non poteva non accorgersi di questo fenomeno. Per raccontare un nuovo modo di fotografare e di fotografarsi, il marchio ha voluto interpellare MKS – Milano Fashion Agency, Agenzia di make-up artists da oltre quattro anni nel mondo della moda, che fa dell’immagine e dello styling il suo operato. Come realizzare quindi dei selfie effetto wow, pronti per essere condivisi, commentati e ricevere like nonostante la mascherina?

1 Trucco waterproof sul viso

Per il selfie perfetto bisogna iniziare con lo stendere un velo di crema con un buon fattore protettivo (SPF) per proteggersi dai raggi solari più intensi della stagione calda. Dato che il respiro tenderà a creare vapore e che, a causa della mascherina, verrà indirizzato proprio verso gli occhi, il primo consiglio è puntare su prodotti a lunga tenuta o waterproof.

2 Correttore a portata di mano

Visto che gli occhi saranno il centro dello scatto, è importante tenere a portata di mano un leggero correttore fluido, da fissare con un velo di cipria, applicata tamponando con una spugnetta. Le temperature si alzano: nessuno vuole un effetto cerone, eccessivamente mat e poco naturale, ma è altrettanto fondamentale che il trucco occhi non si sciolga rovinando così anche il più bello dei selfie.

3 Sguardo luminoso

Si parte con l’illuminazione dell’occhio. Prima si applica un ombretto luminoso sulla parte interna dell’occhio, sfumando con un ombretto più scuro verso l’esterno, quindi si procede con un eyeliner o con una matita nera, cercando di rimanere il più possibile attaccati alla rima ciliare. Infine si continua applicando un abbondante strato di mascara, per infoltire e modellare le ciglia.

4 All’insegna dell’armocromia

È bene ricordarsi di creare sempre i giusti accostamenti cromatici in base al colore dell’iride e dell’incarnato.  L’armocromia ci viene incontro e ci insegna che gli occhi castani si enfatizzano con il bordeaux e il marrone scuro, gli occhi verdi sono invece valorizzati da bronzo e rame, gli occhi azzurri amplificano il loro magnetismo con il grigio perla e il blu. Mentre gli occhi neri o marrone scuro si accostano perfettamente ai verdi e ai perlati.

5 Occhio… alle sopracciglia

Ultimo punto, non di minore importanza, per il selfie a prova di mascherina, è non dimenticare le sopracciglia. Incorniciano gli occhi e creano la giusta armonia nel viso, quindi sono di gran importanza. Prima di procedere con la condivisione di una nuova foto che alimenterà i propri profili social, occorre pettinare segmento dopo segmento le sopracciglia verso l’alto e fissare in modo da aprire lo sguardo. Brow soap e brow gel sempre nel beauty case e il gioco è fatto.

L’articolo Selfie a prova di mascherina in cinque preziose mosse sembra essere il primo su Cellulare Magazine.